Rivolta giusta, rivolta necessaria

Rivolta-migrantiL’indignazione è un impulso positivo, la ribellione è la pratica della ragione e della giustizia.

I migranti rischiano la vita e muoiono nel tentativo di giungere in Italia con imbarcazioni di fortuna; sempre più in fuga da guerre e dittature, da persecuzioni e fame; spesso dopo esser stati derubati di ogni avere da criminali senza scrupoli.
Vengono accolti e rinchiusi, privati di quella dignità dovuta ad ogni essere vivente.

Ancora una volta è la Costituzione italiana a non essere rispettata: “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo” (art.2);
Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica” (art.10).

Occorre riconoscere e consentire ad ogni essere umano il diritto di libera circolazione nell’intero mondo, casa comune di tutti gli esseri umani.

La responsabilità dei naufraghi e dei morti annegati nel Mar Mediterraneo sono anzitutto dei governi europei che proibiscono loro di giungere nel nostro paese e nel nostro continente in modo legale e sicuro, come sarebbe diritto di ogni essere umano.

Ogni essere umano ha diritto a vivere, ed è compito dell’umanità intera a rendere effettivo questo diritto:

  • Si ponga fine alla persecuzione dei migranti.
  • Vengano abolite le criminali misure razziste.
  • Sia abolito il cosiddetto “reato di clandestinità”.
  • Siano aboliti i campi di detenzione (CIE).
  • Siano abolite le deportazioni.
  • Si ponga fine alle schiavitù.

Riprendiamoci la “legalità” a sostenere e praticare le lotte per i diritti, le libertà e la giustizia.

🡢 |2013-09-06T12:39:25+00:0022/08/2013|News&Eventi|