La scuola Popolare di italiano per Stranieri di Rogoredo, una domenica alla scoperta di Milano

Foto per articolo 1

Domenica 17 marzo, una giornata fredda, piovosa e decisamente invernale non ha arrestato la volontà di insegnanti e studenti della Scuola per Stranieri di Rogoredo di passare una giornata all’aperto alla scoperta della nostra Milano.

In barba allo scetticismo e al meteo avverso, alle 15,00 un folto gruppo di circa 25 persone, composto da tante donne, uomini e bambini, si è incontrato in piazza Duomo e con curiosità e allegria ha seguito il percorso proposto dalla guida.

Tutte le classi della scuola serale e pomeridiana sono state coinvolte: studenti ucraini, peruviani, marocchini, cingalesi, ecuadoriani hanno risposto con grande partecipazione e interesse alla visita cittadina.

Il tour ha preso inizio da piazza Duomo con annessa entrata presso la cattedrale ed è proseguito fino alle Colonne di San Lorenzo passando, prima, per la chiesa di San Satiro, bella e apprezzata da tutti, dal Carrobbio ove sono stati mostrati i resti della Milano romanica e dalla maestosa Basilica di San Lorenzo.

Molti dei presenti non erano mai entrati all’interno del monumento più rappresentativo della città, il Duomo,

mentre per altri la visita alla Cattedrale ha rappresentato la prima volta all’interno di un edificio cristiano.

L’iniziativa si spinge oltre allo spirito di una semplice passeggiata domenicale;  essa è stata, infatti, l’occasione per uscire dagli schemi del quartiere e scoprire i lati più affascinanti e nascosti della città in cui viviamo, ha rappresentato un’occasione di incontro e aggregazione, ha svolto, infine, un compito fondamentale, il superamento di barriere culturali e religiose.

Sicuramente possiamo reputare la visita come un’esperienza positiva per la scuola, che è riuscita a mobilitare un gruppo così eterogeneo e composito; l’evento, inoltre, ha dimostrato che essa nel quartiere può assumere un ruolo importante non solo sul piano strumentale dell’insegnamento della lingua italiana, ma anche come punto di riferimento di integrazione, di condivisione, di divertimento e di cultura.

🡢 |2013-03-22T10:28:11+00:0022/03/2013|News&Eventi|